• 347.6966821
  • caterina.zanirato@gmail.com

Il 16 dicembre si vota per la fusione tra Frassinelle e Polesella

20181105_115536

Il 16 dicembre si vota per la fusione tra Frassinelle e Polesella

Un percorso durato due anni, costruito partendo dalle esigenze dei cittadini coordinato dalle due amministrazioni comunali di Frassinelle e Polesella, e che ha portato al progetto di fusione tra le due municipalità che si voterà il 16 dicembre attraverso un referendum. Un progetto che prevede anche un piano comunicativo, affidato a Cz Advertainment, per garantire un’informazione capillare e trasparente rispetto al percorso di fusione, spiegando a tutta la cittadinanza le opportunità che rappresenta, sia in termini di servizi sia in termini economici, per chiarire dubbi e valutazioni erronee.

L’idea è di utilizzare i canali tradizionali, come la stampa, ma anche le nuove tecnologie e i social in modo da coinvolgere giovani e meno giovani in questo percorso. Proprio per questo motivo è stato creato un ufficio stampa, un sito internet (www.frassinellepolesella.it), un blog di approfondimento e una presenza costante sui canali social, Facebook, Twitter e Youtube (@fusionefrassinellepolesella). I cittadini potranno dialogare con le amministrazioni, chiedere informazioni e scaricare materiali di chiarimento come lo studio di fattibilità prodotto dalle due amministrazioni locali, per presentarsi all’appuntamento conoscendo ogni singolo aspetto del progetto.

L’intero progetto è stato presentato stamattina in Provincia dai due sindaci, Ennio Pasqualin e Leonardo Raito, con il supporto del presidente della Provincia, Ivan Dall’Ara e delle associazioni di categoria Cna e Coldiretti. Inoltre sono previsti due incontri con la popolazione, che si svolgeranno giovedì 15 novembre presso La Casa del Popolo di Frassinelle (a partire dalle 21) e lunedì 19 in sala degli Agostiniani a Polesella (sempre alle 21).

Vogliamo dare ai cittadini tutte le informazioni relative alle modalità di voto per favorire la partecipazione al referendum consultivo – spiega Ennio Pasqualin, sindaco di Frassinelle -. Sarà una vera prova di democrazia per certificare la volontà dei cittadini di aderire a questo progetto a cui stiamo lavorando da tanto tempo e necessario alle nostre realtà per crescere, insieme”.

Entrambe le amministrazioni hanno approvato all’unanimità il progetto di fusione – spiega il sindaco di Polesella, Leonardo Raito -. Il piano di comunicazione vuole spiegare i vantaggi che si otterranno, certificati dallo studio di fattibilità finanziato dalla Regione Veneto e già pubblicato sui siti dei due Comuni”.

Si tratta di un referendum consultivo, quindi non c’è quorum, ma è importante che in entrambi i comuni il 50%+1 dei cittadini sia favorevole al progetto. Solo così nascerebbe il nuovo Comune che si chiamerà Frassinelle e Polesella, portando benefici a tutto il territorio: contributi statali di 700mila euro l’anno per 10 anni, per un totale di 7 milioni di euro, e servizi raddoppiati, potendo contare su una struttura amministrativa composta dall’insieme dei dipendenti delle due municipalità.

Se vincerà il sì, i Comuni sarebbero commissariati e si tornerebbe a votare, per un’unica amministrazione rappresentante di entrambi i paesi, a primavera: alla figura del sindaco sarà affiancata quella del prosindaco proprio per garantire la completa rappresentatività del territorio e gli uffici comunali, di entrambe le municipalità rimarrebbero aperti per tutti i cittadini.

admin
admin

Leave a Comment