• 347.6966821
  • caterina.zanirato@gmail.com

Tag Archives: isola di albarella

laghetto

Nuovo claim e riposizionamento per l’Isola di Albarella che si evolve grazie a progetti innovativi dedicati all’ambiente

L’Isola di Albarella ha deciso di riposizionarsi sul mercato, adottando una nuova strategia di marketing che punta tutto su progetti innovativi e pionieri da sviluppare per quanto riguarda la tutela dell’ambiente, lo sport e l’infanzia. Lo scopo del marchio del gruppo Marcegaglia è di veicolare con un’apposita strategia le proprie caratteristiche peculiari, che la rendono un’isola unica e speciale, facendo vivere ai propri ospiti esperienze indimenticabili a contatto con un ambiente totalmente incontaminato. Tutto questo anche grazie all’apporto di Boraso Conversion Marketing (per lo studio della strategia di marketing) e Cz Advertainment come ufficio stampa e social media manager per la produzione di contenuti. Per questo è nato il nuovo brand dell’Isola di Albarella, riassumibile nella frase “L’Isola green dove fare sport immersi nella natura”.

Cinque gli elementi fondamentali su cui punta l’Isola di Albarella, quindi, sia attraverso la comunicazione sia attraverso lo sviluppo di progetti concreti e reali che porteranno valore all’intero territorio.

Si parte dal concetto di Isola, un territorio circondato dall’acqua, dal mare alla laguna, che si distacca da tutto quello che è ordinario e diventa anzi un luogo isolato e meditativo, quasi spirituale. Green invece è il termine che identifica l’attenzione che si dimostra in ogni azione e comportamento promosso verso l’ambiente: dalla raccolta differenziata all’abolizione della plastica, dall’uso di biciclette per gli spostamenti ai progetti di ripopolamento boschivo, l’ambiente nell’isola è interesse e patrimonio di tutti, dai proprietari agli ospiti. Il primo maggio si inaugurerà il primo parco avventura ecosostenibile, dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie, progettato dallo studio Coloco di Parigi all’interno di un più ampio progetto di riqualificazione degli spazi naturali, chiamato “Immersi nella natura”. L’intero progetto ha un duplice scopo: quello di promuovere e tutelare l’ambiente naturale dell’Isola, investendo su servizi e pratiche green, e quello di prolungare nel tempo la stagione turistica. In questo senso si stanno sviluppando infatti interventi legati alla riqualificazione dell’illuminazione (riducendo del 40% il consumo), alla raccolta differenziata posizionando appositi contenitori (in crescita ogni anno: quest’anno si è ottenuto un 72,6% di seguito) e all’eliminazione, passo passo, della plastica.

L’Isola di Albarella poi è il luogo ideale dove praticare sport, grazie alle tante strutture sportive presenti (24 campi da tennis, campo da golf, piscina olimpionica, campi da beach volley, beach tennis, da calcio, calcetto e basket, scuola di tiro con l’arco, equitazione, vela-sup-kite) e il suo ambiente naturale (2,5 km di percorso attrezzato per il running e l’allenamento a corpo libero all’ombra dei pini marittimi, 10 km di pista ciclabile sospesa tra il mare e la laguna del Delta del Po). Il tutto inserito in un contesto naturale tutelato dall’Unesco, il Parco del Delta del Po, con animali selvatici che interagiscono con gli ospiti, come daini, lepri, fenicotteri e uccelli di moltissime specie diverse che si possono incontrare solo in questo territorio. Tutti gli animali sono i benvenuti, grazie a spiagge e spazi attrezzati per gli amici a quattrozampe.

Senza dimenticare l’attenzione rivolta anche ai bambini, che in questo contesto possono crescere seguendo attività e laboratori educativi, denominati Steam, progettati per insegnare il rispetto per l’ambiente, l’amore per lo sport, le scienze e le arti, divertendosi in un contesto sicuro e a contatto con la natura. I bambini, infatti, sono gli adulti di domani: investire su di loro, significa investire sul miglioramento della società del futuro.

Un brand che è nato dalla stessa percezione degli ospiti che hanno vissuto e continuano a scegliere di vivere l’Isola, in collaborazione con tutti gli uffici che rispondono quotidianamente alle esigenze degli ospiti e, anzi, cercano di anticiparle in un clima di miglioramento continuo dell’esperienza offerta.

admin
letto1

“Evoluzioni”: arriva ad Albarella il museo all’aria aperta per sensibilizzare sui grandi cambiamenti climatici a cura degli artisti di Officinadidue

La mostra di Vera Bonaventura e Roberto Mainardi inaugurerà il primo maggio nell’Isola di Albarella e tra le installazioni sarà presente “Urlo di Vaia”, opera sonora realizzata per Arte Sella

Il mondo dell’arte si schiera in prima fila per la tutela ambientale, organizzando grandi esposizioni per sensibilizzare sui cambiamenti climatici. Dopo la premonitrice protesta di Banksy contro le grandi navi a Venezia, alla quale è seguito un incidente tra una nave da Crociera e un vaporetto, il mondo dell’arte torna a farsi sentire sui grandi disastri ambientali che hanno colpito il territorio del Veneto culminando con il picco di acqua alta che ha fatto affogare Venezia.

I due artisti di Officinadidue, Vera Bonaventura e Roberto Mainardi, noti per aver realizzato l’opera “Urlo di Vaia” dopo la tempesta che ha colpito l’altopiano di Asiago e le Alpi orientali nel 2018, installata nel percorso artistico di Arte Sella in Valsugana, stanno organizzando una monografica dal titolo “Evoluzioni – Museo a cielo aperto nell’Isola di Albarella” all’interno dell’Isola di Albarella (Rovigo) dedicata al tema della biodiversità e al dialogo uomo-arte-natura. Un territorio scelto perché inserito nel contesto del Parco del Delta del Po e tutelato dall’Unesco, in rinascita dal punto di vista green grazie al progetto “Immersi nella natura”, realizzato dall’atelier Coloco di Parigi, che ha previsto una serie di interventi per riqualificare il proprio patrimonio ambientale e naturale, sviluppato proprio dopo che l’isola fu colpita da una tempesta di grande forza, che nel 2017 causò l’abbattimento di oltre 8mila alberi e danni per 5milioni di euro. Proprio per commemorare questo evento, sarà realizzata anche un’installazione permanente: “Aegritudo Naturae”, che vede la posa di una quercia di sughero, abbattuta durante il downburst, in un letto gigante d’ospedale militare ricostruito dagli stessi artisti in ferro.

Bonaventura e Mainardi, da sempre attenti a queste tematiche, vogliono sublimare attraverso il linguaggio artistico le cicatrici riportate da un territorio a causa dei grandi cambiamenti climatici e portare alla riflessione gli osservatori, che diventano parte attiva di ogni loro installazione, immergendosi in un percorso fatto di opere collocate negli spazi verdi dell’Isola. Officinadidue realizzerà, quindi, un parco/museo di sculture contemporanee all’aperto sia attraverso le installazioni già note, come l’opera sonora “Urlo di Vaia” presentata nel percorso artistico Arte Sella – the Contemporary Mountain, sia inedite, il tutto come monito per risvegliare la coscienza di ogni visitatore.

“La ricerca del bello non può prescindere dalle condizioni del luogo – spiegano gli artisti di Officinadidue -. L’arte deve superare l’estetica per diventare etica: ognuno può essere strumento di cambiamento. Le nostre opere sono dichiarazioni politiche e poetiche per coniugare l’arte e la natura. Per formulare visioni utopiche, sperimentali e sociali”.

La vernice di “Evoluzioni”, museo a cielo aperto nell’Isola di Albarella, avverrà il primo maggio, in concomitanza con l’inaugurazione di un grande parco avventura a basso impatto ambientale, ovvero realizzato con materiali naturali e plastic free, destinato a tutta la famiglia e .

admin